0,00(0 items )

No products in the cart.

+39 0255306306

Rischio Particolato Sottile PM10>PMnp

Noto ormai da molti anni con la sigla PM10 si tratta di una polvere così sottile (inferiore al centesimo di millimetro) da non risentire quasi della forza di gravità. L’aria delle aree urbane è purtroppo ricca di questo inquinante in massima parte generato dalle attività dell’uomo
(combustioni, mezzi di trasporto e attività produttive).
Il fatto grave è che viene attribuito al PM lo 0,5% dei decessi, cioè circa 6.000 nelle principali 15 città italiane ogni anno (dati OMS e ISPRA, anni 2006-2008, solo a Roma 1.500 ogni anno, 4 al giorno).

A seconda delle dimensioni del PM i disturbi passano dall’area laringe gola sino agli alveoli polmonari (PM1), dove si sommano anche gli effetti chimici e degenenerativi del PM inalato in quanto agente ossidante.
A seconda delle dimensioni del PM i disturbi passano dall’area laringe gola sino agli alveoli polmonari (PM1e PM0,5),
dove si sommano anche gli effetti chimici del PM inalato.Appare sempre più pericoloso e invasivo il particolato ultrasottile <0,5 nm). Recenti studi internazionali convergono sulla conclusione che queste nanoparticelle presenti in milioni di unità per litro di aria nelle nostre città, siano in grado di oltrepassare gli alveoli polmonari e la barriera emato-encefalica. La conseguenza è un accumulo di nanoparticelle in tutto il corpo trasportate attraverso il flusso ematico. La dimensione infinitesimali di queste particelle sarebbe in grado di interferire con il DNA, provocando l'insorgenza di neoplasie e di malattie neurodegenerative come L'Alzhaimer e il morbo di Parkinson. Allarmanti i trend di crescita di queste malattie dell'età avanzata insieme all'autismo e alla sindrome di Asperger nei più giovani.
Il test AbitCare ha, come da nostra filosofia, il duplice obiettivo di misurare e sensibilizzare le persone, le famiglie, quindi dopo una misurazione della concentrazione, con strumenti professionali, di particolato all’esterno dell’abitazione (in giardino o sul balcone) si passa alla misurazione interna per scoprire come talvolta l’ambiente domestico sia ben peggiore di quello esterno.
L’appartamento non è infatti lavato da piogge e ripulito dai venti e somma e raccoglie pulviscoli, aerosol e quant’altro in un mix pericoloso.